i padri Trinitari
Sono nati otto secoli fa nel 1198.
La ragione della nascita e della organizzazione di questo gruppo di cristiani è stata quella di rendere un servizio umanitario in alternativa al servizio militare.
Difatti essi sono sorti in pieno tempo di "guerre sante", ma con lo scopo di liberare i prigionieri di guerra.
Il fondatore o capo carismatico dei Trinitari è San Giovanni de Matha, provenzale che si è formato culturalmente a Parigi, così da diventare Magister all'Università.
Oltre il compito eminente della LIBERAZIONE, i Trinitari, per vocazione, si sono interessati alla pratica dell'OSPITALITA', fin dalla loro nascita, infatti troviamo domus: case di ospitalità nel secolo XIII, dal Portogallo all'Inghilterra, dalla Spagna al Belgio, dalla Francia al Medio Oriente.
Attualmente i Trinitari sono presenti un pò ovunque nel mondo: dal Cile al Canada, dagli USA all'India, dalla Francia al Madagascar, dalla Germania al Messico, dalla Spagna all'Argentina, dall'India al Brasile.
La "Casa per Ferie" qui a Roma, a un passo dal Vaticano, vuole essere un segno di continuità del carisma dei Trinitari, applicato nel contesto della ospitalità.
I Trinitari sono stati sollecitati a rinnovare il proprio progetto di accoglienza dal compiersi dell'VIII centenario della loro Regola di vita nel 1998, e dall'entrata nel Terzo Millennio nel 2000: anno giubilare.

Brano tratto da La Regola di San Giovanni de Matha:

17. (La cura degli ospiti, dei poveri e di tutti i viandanti) sia affidata a un frate tra i più prudenti e benevoli, il quale li ascolti e, se ne sarà il caso, dia loro il conforto della carità. Chieda tuttavia a quelli che crede di dover accogliere, se sono disposti ad accontentarsi di quanto viene servito ai frati. Non è certo conveniente che alcuno sia ammesso a pasti abbondanti e costosi. Ma quel che c'è da dare, lo si dia con gioia, e a nessuno sia resa offesa per offesa. Se qualcuno, specialmente religioso, chiede ospitalità, sia benevolmente servito con carità, secondo le possibilità della casa.

Non si dia però agli ospiti né avena né altro al posto dell'avena, se essi si trovano in città o villaggi o dove essa possa trovarsi in vendita, a meno che gli ospiti non siano religiosi, o tali che non l'abbiano a portata di mano e non possano comperarla. Se poi gli ospiti non l'avessero trovata in vendita e se ne trova nella casa in cui sono stati accolti, sia loro fornita a prezzo conveniente.
P.za S. Maria alle Fornaci,27 - 00165 Roma - tel. +39 0639367632 - fax +39 0639366795